Ultimo algoritmo Google: fatti amico il pinguino

google penguin A quanto pare in quel di Google apprezzano in particolar modo gli animali bianchi e neri, visto che, dopo Panda, è arrivatoPenguin, il nuovo algoritmo “anti spam”.

L’ottica rimane quella di colpire i cattivi e far emergere i buoni, nella lotta all’indicizzazione, ovviamente. Chi sono i cattivi? I soliti noti: keyword stuffing e link spam.

Cosa dovrebbe fare quindi un sito per non essere penalizzato e non perdere in ottimizzazione? Mashable ci dà qualche consiglio a riguardo.

1. Monitorare le keyword

– Non inserire le keyword dopo aver completato il contenuto ma meglio metterle mentre questo viene scritto. Il tutto risulterà più naturale.

-Title, segui il seguente schema: keyword principale | nome brand | keyword secondaria

-Immagini, il tag ALT serve a descrivere l’immagine. Metti (anche) la keyword solo se c’entra anche con l’immagine.

Leggi tutto l’articolo sul blog di web marketing di Promobit Web Strategies

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...