Vinitaly 2013 su Twitter: di cosa si è parlato, chi ne ha parlato, quanto e quando.

box-dati-vinitaly

148.000 presenze, +6% rispetto al 2012, delle quali 53.000 estere, da 120 Paesi, con una crescita del 10%. I numeri ufficiali dell’edizione 2013 di Vinitaly, la 47°, li conosciamo tutti: hanno presenziato sulle prime pagine dei quotidiani locali, online e non, delle riviste di settore e, soprattutto, sull’homepage del sito ufficiale della manifestazione, sin dall’indomani della giornata conclusiva. Quello che invece probabilmente in parecchi ignorano è il riscontro che la fiera ha avuto sul Web, ed in particolare sui social network.

In un periodo storico in cui, neanche a dirlo, la buona riuscita di un evento, soprattutto se di taglio nazionale o internazionale, è misurata sempre di più in base al successo mediatico online e gli uomini di marketing sgomitano per interpretare le statistiche di gradimento e condivisione sui vari social network, ci sembrava interessante andare a fare un’analisi quantitativa e qualitativa di quello che è stato il vociferio attorno agli hashtag #vinitaly e #vinitaly2013 su Twitter.

Ci siamo posti alcune semplici ma essenziali domande: quanto se ne è parlato, chi ne ha parlato e cosa si è detto.

QUANTO.

Iniziamo da un po’ di numeri nudi e crudi: nei 4 giorni della manifestazione si è cinguettato 6, 167 volte, con una media di 1542 tweet al giorno, e gli utenti singoli ad aver twittato almeno una volta gli hashtag #vinitaly o #vinitaly2013 sono stati 2.635.

box-dati-vinitaly

Rispetto al numero di presenze totali dichiarate alla manifestazione, 148.ooo, 2.635 utenti non sembrano tantissimi, soprattutto se consideriamo che si tratta di un evento che coinvolge moltissimi giovani e stranieri. Andando a scomodare i calcoli percentuali, possiamo dire che ha twittato l’ 1,78% dei partecipanti totali.

In realtà se consideriamo che in Italia, che se ne dica, si twitta relativamente e che di solito a twittare sono soprattutto nicche di utenti, la partecipazione a Vinitaly 2013 su Twitter non è affatto male.

Le ultime statistiche parlano di 4 milioni di utenti attivi in Italia, i quali corrispondono a circa il 7% della popolazione.

QUANDO. 

andamento-tweet

In generale si è twittato di più la mattina e  il pomeriggio, un po’ meno la sera.

I picchi di tweet variano in base alle giornate: il primo giorno si è twittato parecchio attorno all’ora di pranzo, il secondo attorno alle 3 del pomeriggio, il terzo verso le dieci della mattina. Il clima tradizionalmente più disteso dell’ultima giornata ha contagiato anche i twittatori che non si sono dati molto da fare.

CHI.

Su Twitter, come nella vita, c’è differenza tra dire una cosa e il fatto che questa venga ascoltata o presa in considerazione da qualcuno. E’ infatti importante distinguere tra chi pubblica tanti tweet, utenti attivi, e tra chi non solo pubblica ma riceve anche retweet, risposte o menzioni, i cosiddetti influencer.

1. UTENTI PIU’ ATTTIVI:

utenti più attivi vinitaly 2013DC_Solution è una ditta che fornisce soluzioni IT per soluzioni fieristiche e si conquista il premio per maggior twittatore, anche se, nonostante gli sforzi, tanto cinguettio non è stato ripagato da altrettante conversazioni.

L’argento “Twittatore Vinitaly 2013” va a Carlo Vischi, direttore della collana Trenta Gourmet.

Terzo classificato è Davide_Oltolini, critico enogastronomico che collabora con Rai 1, UnoMattina in famiglia, 7Gold TV, La Cucina del Corriere dellaSera, Capital, Gambero Rosso, Grande Cucina etc. etc. etc.

L’analista sensoriale, come si auto definisce nella biografia del suo account Twitter, non è nuovo sul podio dei maggiori twittatori #vinitaly, anche nel 2012 si era conquistato il terzo posto.

Quinta classificata la wine blogger veronese Elisabetta Tosi con il suo account VinoPigro e relativo blog. Oltre al suo blog, Elisabetta è co-fondatrice assieme a Giampiero Nadali di Fermenti Digitali, agenzia di consulenza specializzata nel “digital wine business”.

Per quanto riguarda le aziende, tra gli account di aziende più attivi ci sono il @consbrunello, il consorzio del Brunello di Montalcino, e l’account @Fipeconf, la Federazione Italiana Pubblici Esercizi.

2. GLI INFLUENCER:

Chi ha stabilito più connessioni? La classifica degli utenti più retwittati e mezionati vede in testa l’account ufficiale Vinitaly di Verona Fiere, @vinitalytasting, seguito da @vinitalytour, account internazionale della manifestazione.

Screen Shot 2013-06-12 at 10.31.26 AMTra i più popolari NON poteva mancare Joe Bastianich, il tremendo giudice di MasterChef (e imprenditore, anche del settore vinicolo), con il tormentone del momento “muoro”:

RT @VanityFairIt: @Jbastianich Al #Vinitaly col giudice #MasterChef, Joe #Bastianch: Per un bianco io muoro http://t.co/AGjl1nkHkT

Un altro top influencer è stato @mantralex, e non per caso: Alex Giordano, co-fondatore di ninjamarketing e direttore del Centro studi etnografia digitale è stato relatore a Vinitaly 2013 durante un evento dedicato proprio all’analisi del prodotto vino sul social media.

utenti

Il network degli user mette in evidenza i top influencer. La grandezza dei nodi è proporzionale al numero dei RT e delle mention ricevute. Lo spessore degli archi è proporzionale al numero di citazioni e RT degli utenti nello stesso tweet. Il colore dei nodi vira dal chiaro allo scuro al crescere del numero RT e mention ricevute.

NON SOLO ITALIANO.

I tweet #vinitaly contenenti parole in italiano sono stati 4979 tweet, mentre l’inglese si è visto in ben 1164 tweet.

Se il largo utilizzo della lingua inglese non sorprende più di tanto, sarà interessante notare come si sia twittato molto di più in olandese rispetto che in francese, ad esempio, e come in generale la lingua più usata dopo l’inglese sia stata lo spagnolo.

Lingue Vinitaly 2013 su Twitter

(Il bar-chart rappresenta le lingue più utilizzate nei tweet contenenti gli hashtag #vinitaly e #vinitaly2013, sono stati esclusi dalla visualizzazione l’italiano e l’inglese)

CHE COSA.

Gli utenti che hanno twittato durante Vinitaly 2013 hanno associato le loro conversazioni a 16026 “argomenti” (altri hashtag) diversi.

Ne esce anzitutto una conversazione decisamente social: spiccano infatti concetti come #netnografia, #socialmedia e #bigdata, ovviamente tutti collegati tra di loro e cuiosamente associati anche all’hashtag #donnedelvino, in linea con la tendenza nazionale (e anche mondiale) che vede sempre più donne avvicinarsi ed appassionarsi di Web e social media.

Tra gli hashtag “di massa” fanno capolino #winelover e  l’immancabile #sapevatelo.

Per quanto riguarda quelli legati al territorio troviamo #verona e #italy. Le regioni più nominate sono state invece #piemontefree, #puglia, #sicilia e #toscana.

Tirando invece in ballo qualche protagonista in carne e ossa il politico star su twitter al Vinitaly 2013 è lui: no, non Flavio Tosi, bensì Matteo Renzi. Il sindaco fiorentino è stato nominato 113 volte, contro le 56 di Tosi.

Vinitaly 2013 - Analisi hashtag

Il network degli hashtag rappresenta gli hashtag più utilizzati, due hashtag sono collegati tra di loro quando sono presenti nello stesso tweet. La dimensione dei nodi è proporzionale alla frequenza, così come lo spessore dei link. I colori dei nodi individuano delle sottocomunità tematiche ed evidenziano porzioni del grafo dove i collegamenti sono più frequenti.

#FAIL.

Per finire, abbiamo notato anche quest’anno la presenza di un hashtag di cui ogni organizzatore di eventi farebbe volentieri a meno: #fail. Siamo quindi andati a curiosare di cosa parlano i tweet che lo contengono per farci un’idea dei problemi in cui sono incappati i #winelover durante il Vinitaly.

Tra le lamentele, problemi di rete con i cellulari e il traffico al casello dell’A4. Sembrano invece risolti i problemi di wifi riscontrati durante la precedente edizione.

Qualche estratto:

Comunque pure quest’anno il #Vinitaly trama contro di me, i #telefoni non funzionano! Almeno con la 3 è impossibile chiamare #fail

RT @ViniBalbiano: L’uscita in auto dal #vinitaly è una piaga che non auguro davvero a nessuno #fail

RT @cetelina: A #Vinitaly basita da alcuni produttori che non hanno capito che aiutare la promozione di un’area significa dare una mano anche loro #fail

Quesiti di comunicazione: siete al #vinitaly e non c’è nessuno al vs. stand, perché postate con enfasi la foto che vi ritrae soli? #epicfail

—————————————————————————————————————————————

Testo e studio grafico a cura di Irene Pasquetto.

Analisi e visualizzazione dei network a cura di Alessandro Zonin.

Annunci

Un pensiero su “Vinitaly 2013 su Twitter: di cosa si è parlato, chi ne ha parlato, quanto e quando.

  1. Pingback: Vinitaly 2013: chi ha twittato, quanto e di cosa si è parlato | Dataninja | School

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...