Controllabili da remoto, indossabili, connessi: i sex toys nell’era dei big data.

Dove c’è consumo ci sono dati, e dove ci sono dati, specialmente se tanti, vari e relativamente low cost da collezionare (quindi, big data) ci sono pattern, correlazioni e statistiche pronte per essere scovate e rivendute. C’è in altre parole la possibilità di quantificare, o come amano dire gli esperti del caso, «datificare» (traduzione alla meglio dell’inglese datification) l’esperienza di consumo. E la «datificazione» non solo aiuta le vendite, ma piace agli utenti. Ne sanno qualcosa i membri del popolare Quantified Self Movement, i quali hanno fatto del self-tracking una filosofia di vita. Ebbene, senza tante sorprese, la tendenza alla «datificazione» sta prendendo piede in uno dei settori da sempre più all’avanguardia per via di nuove tecnologie: quello dei produttori di sex toys.

Leggi tutto l’articolo su CorriereInnovazione.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...